VI - CRONACA, SOCIETA', PSICOLOGIA

 

bullet

1.       Non è la prima volta che l'Esagono si dissocia dal Pentagono

<< BUSH, DON'T ATTACK
PEACEFUL IRAQ ! >>
- SAID JACK CHIRAC.

 

bullet

2.                    De bello mesopotamico, pars altera

Incredibile: anche quei guerrafondai impenitenti degli antichi Romani sventolavano la bandiera arcobaleno: "Bellum "BELLUM" dicimus, quia non bellum" (Quintiliano).
Traduzione libera: "Chiamiamo (ironicamente) "BELLUM" - cioè (cosa) graziosa - la guerra, proprio perché tutt'altro che graziosa, tutt'altro che bella".    S.P.Q.R.

 

bullet

3.          Marzo - Aprile 2003: LA GUERRA DEI DUE SCERIFFI

L'antico vocabolo sassone scirgerefa (= magistrato di contea) e il classico termine arabo sharif  (= nobile) hanno curiosamente dato origine, per vie del tutto indipendenti, all'identica parola italiana "sceriffo". Veniamo così ad avere, nella nostra lingua, lo sceriffo 'con la stella' (contro i fuorilegge del Far West) e lo sceriffo 'della mezzaluna' (difensore dei luoghi santi islamici).
Che Bush si atteggi a sceriffo del pianeta, non è una novità. Ma è interessante notare che uno dei titoli di cui maggiormente amava fregiarsi Saddam era appunto "sharif"/sceriffo: nel tentativo (maldestro e opportunistico: parola di Bin Laden!) di atteggiarsi a paladino (e...Saladino) del mondo islamico.
Conclusione di un modestissimo cultore di enigmistica: la recente guerra mesopotamica potrebbe essere pittorescamente definita uno "scontro all'ultimo sangue tra due sceriffi".

bullet

4. Curiosità lessicale.   L'italiano è l'unica lingua, per quanto ne sappia, in cui lo sceriffo con la colt e lo sceriffo con la scimitarra (però, che lotta ad armi impari!) siano designati con lo stessissimo vocabolo. In spagnolo, ad esempio, quello mediorientale è detto "jerife", mentre quello di Robin Hood e dell'epopea western si chiama "shérif" (o "shériff"). In questa lingua, quindi, non è possibile congegnare giochi di parole accostando i due vocaboli (solo vagamente assonanti).  
In francese i due termini sono omofoni, ma non omografi: stessa pronuncia, ma scrittura un tantino diversa. Quello arabo si scrive "chérif", quello texano si scrive "shérif". Possibili calembour (scritti, ovviamente) del tipo "ni avec le chérif, ni avec le shérif!" Noto, en passant, che 'chérif' (un po' meno 'shérif') si presta a innocenti arguziette qualora venga accostato agli aggettivi "chéri" (=amato, diletto) e "chétif" (=striminzito, gramo). Si accettano suggerimenti.  
In inglese lo sceriffo anglosassone è detto "sheriff"; quello arabo "sherif" (una effe in meno!) [o "shereef" o perfino "sharif"] ed ha - a differenza dell'altro - l'accento sull'ultima sillaba.  Possibile slogan arcineutralista "down with the sheriff, down with the sherif!".  
In tedesco, infine, quello del Far West si presenta col suo nome inglese (=sheriff). Quello col turbante oscilla tra Sherif e Scharif (tutti e due con l'accento sull'ultima). Sbizzaritevi a escogitare Wortwitze e Wortspiele a volontà !   

 

 
bullet

5.                                     ARIDATECE  ER  MACELLARO !

<<Paradossalmente, l'Iraq di Saddam Hussein era una diga al terrorismo di matrice islamica>>.
(E.VALLI, su "La Monarchia" del 17.04.04, p.17)

P.S. - Funzionò da DIGA (DAM, in inglese ), dunque, il buon SADDAM.  Ma - ammettiamolo - una ben TRISTE ( SAD, in inglese) diga: chiedetelo ai Curdi. (Agli Sciiti no: se ne sono già dimenticati).     

 
bullet

6. Ma cambiamo decisamente argomento (per dirla in mezzobustese).
Da un'intervista rilasciata da Daria Bignardi, indimenticata maggiordoma della "caâasa": "La seconda edizione del Grande Fratello è stata piuttosto noiosetta".

In altre parole:
                           Lo dico con un pizzico d'ambascia;
                    lo dico con un pizzico d'angoscia:
                    malgrado il turpiloquio della  Xxxxxx
                    quella edizione è risultata  xyxxxx.

N.B. - La soluzione si trova in fondo alla pagina.


Sempre a proposito del tanto chiacchierato Big Brother. Un mio lontano cugino - di madrelingua inglese per parte di zia - si ostina a chiamarlo Pig Brothel.   Chissà che cosa vorrà dire...       

 

bullet

7. L'on. Piero Fassino - lo Smilzo per gli intimi, Cicogna per i malevoli, lo Scheletro per Forattini - dovrebbe essere ingaggiato stabilmente dalla Settimana Enigmistica (alla pari di Renatino Acquacheta della Crusca). è suo, infatti, un geniale CAMBIO DI CONSONANTE ("Il Cav. confonde la emme con la pi") che dovrebbe fotografare un punctum dolens dell'attuale momento politico italiano e che potrebbe essere formulato come segue:

                 PROCLAMA IL CAV : <<TORNI L'  XXXXXXXX' !>>
                 (MA, SOTTO SOTTO, INTENDE:  XXYXXXXX')

P.S. - La soluzione si trova in fondo alla pagina.

bullet

8. Ma se l'on. Fassino col suo cambio di consonante quasi epocale si è assicurato un posto nella Storia dell'enigmistica, gli 'aficionados' di Berlusconi avrebbero potuto - ma sono ancora in tempo -  mettere a segno un colpaccio quasi altrettanto clamoroso: con un cambio di iniziale, stavolta.
Al famoso titolone di copertina dell' "Economist" - WHY SILVIO BERLUSCONI IS UNFIT TO LEAD ITALY ___  perché S.B. è inadatto a governare l'Italia - era infatti (ma in parte lo è ancora) possibile replicare: WHY "THE ECONOMIST" IS UNFIT TO READ ITALY ___  perché l' "Economist" è inadatto a leggere l'Italia; a interpretare, cioè, correttamente la situazione italiana.
Persone di spiccata e specchiata  (scusate il bisticcio) competenza in materia mi assicurano che il verbo inglese to read - non diversamente dall'omologo italiano leggere - presenta, accanto al significato immediato e letterale, anche quello traslato di decifrare, interpretare, capire (una situazione, uno scenario, un comportamento...).  

 
bullet

9.                             L'Incidente di Strasburgo

A chi critica unilateralmente la reazione (effettivamente fuori misura) del "presidente - battutista" - un kapò di troppo, in risposta a un tentativo di kappaò portato sotto la cintura - vorrei ricordare uno spiritoso epigramma francese:
                             
                       Cet animal est très méchant:
                       quando on l'attaque, il se défend!  


(=questo animale è molto cattivo: quanto lo si attacca, lui si difende).

Dell'epigramma esiste anche una versione tedesca. La riporto a beneficio di Herr Martin Schulz, che ha il torto di atteggiarsi - in questa vicenda - a mammoletta inoffensiva e incompresa:

                                Vor diesem Tiere hüte dich:
                        Greift man es an, so wehrt es sich!  

 
bullet

10. La famigerata copertina degli anni Settanta con il piatto di spaghetti sormontato dalla P-38, la recentissima immagine del nostro attuale Primo Ministro accompagnata dall'inequivocabile dicitura "Der Pate" (= il padrino; e cioè: il boss mafioso): no, non si direbbe proprio che "Der Spiegel" (= Lo Specchio), il più importante settimanale tedesco, trasudi simpatia e stima verso il nostro Paese.
Sfruttando la forte assonanza esistente in tedesco tra Spiegel  e Stiefel (= stivale: espressione che, anche all'estero, è spesso impiegata per denotare la nostra penisola), si potrebbe formulare uno sloganino non del tutto spregevole:

                                               
Der Spiegel liebt 
                            den Stiefel nicht  


                    
        (= "Lo Specchio" non ama lo Stivale)


bullet

11.                           Prospettive angosciose
                              Cambio di iniziale

Dopoferragosto 2003, dai giornali: i sindaci al Ministro della Salute: <<TROPPI TAGLI ALLA SANITà>>.
                                                      
                               
Con Girolamo (detto pure Xxxxxxx)
                        la Sanità si fa sempre più yxxxxxx ?

NB - La soluzione in fondo alla pagina.


bullet

12. Il critico di un giornalone demolisce impietosamente il romanzo di una giovane esordiente - Teresa Ciabatti - proiettandolo così, involontariamente, in vetta alle classifiche.

                                          Cambio di consonante

                              Uno Zòilo t'ha  xxxxxxxxx:
                                       "Il tuo libro è una  xxxxxyxx.
                                       Teresina, Teresina,
                                       torna a far la ... ciabattina!".

                                      
Fonda, invece, ella un impero*
                                       romanzier-calzaturiero!


* Si tratta della holding Slipper's Books Inc.

NB - La semi-soluzione in fondo alla pagina.
   


                          

bullet

13.                       ARIDATECE  ER  CINGHIALONE !

L'on. Piero Fassino nel suo ultimo libro riconosce che, negli anni Ottanta, Bettino Craxi interpretava le domande di una società che cambiava, laddove Berlinguer vi ravvisava un'insidia e si arroccava in difesa. Morale della favola:

                                            Cinghialone, cinghialone,
                              torto avemmo... e tu ragione !

 

bullet

14. David Pecha, 26enne studente moravo, scrive su un giornaletto di sinistra che l'unico rimedio all'ingiustizia sociale è la dittatura del proletariato. Dalle autorità della repubblica ceca (non vedente, ironizzerebbe bonariamente qualcuno) viene deferito ad un tribunale, non per aver detto un'ovvietà troppo smaccatamente lapalassiana (come sarebbe forse avvenuto fino a una quindicina di anni fa), ma per - testuale! - apologia di comunismo.
In inglese, voto (scolastico) si dice "mark". Al plurale, questa paroletta ha la stessa pronuncia del cognome del padre del comunismo moderno. Commento-flash a tutta la vicenda:

                                         BAD MARKS TO MARX !     
                            
(= brutti voti a zio Carlone)

 

 

bullet

15.                             IL LENONE MANCATO

E così, anche quest'anno, la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia si è regolarmente conclusa con l'assegnazione del Leone d'Oro. Ma perché - mi chiedo - neanche quest'anno è stato assegnato il Lenone d'Oro ?
Mi spiego: "lenone" è una parola un po' aristocratica (e quindi nobilitante) che serve a designare un "procacciatore di gratificazione erotiche - anche puramente visive, immagino - per interposta persona". Ora, scorrendo in questi giorni le cronache della Mostra, ho notato che - non diversamente dagli altri anni, bisogna dire - quasi quotidianamente venivano proiettati film, in parte o interamente, a luci non diciamo rosse, ma addirittura ... turch(in)e. Uno, diretto da un oscuro regista esordiente, era addirittura intitolato - se non ricordo male - "The Wet Dreamers" che un mio amico, esperto di slang americano, mi ha detto equivalere a (bambini, fuori!) "I pipparoli" o giù di lì.
Perché al più incandescente di questi film "a luci blu" - ripeto - non è stato assegnato un premio (il LENONE D'ORO, appunto)?      

 

 

bullet

16. Una volta erano i (cosiddetti) moralisti complessati a deplorare le classi miste (che loro preferivano bollare come "promiscue"): fonte, naturalmente, di corruttela e di traviamento. Oggi fior di psicologi e di pedagogisti d'avanguardia pur partendo da diversi presupposti, concordano nel sottolineare gli inconvenienti (didattici, ma non solo) delle stesse classi miste (o bisex, come dice qualcuno). Torniamo alle famigerate classi separate, sostengono. E va bene, il mondo - non a caso - ruota incessantemente. Però...
Però riuscite a immaginarvi lo stato d'animo dei giovanottelli e delle fanciulle in fiore, costretti/e a vivere in un ambiente rigorosamente e rigidamente unisex? Che monotonia, che malinconia! "Che noia, che barba, che barba che noia" - sbufferebbe Sandra-Sbirulino.
Un dilemma insomma sembra imporsi in maniera ineludibile:

                                 O CLASSI MISTE O CLASSI MESTE !

bullet

17. Non è vero che don Gianni Baget Bozzo - ascoltato, tra l'altro, consigliere del Cavaliere (scusate il bisticcio) - sia soltanto il fine e agguerrito politologo che tutti sanno. Su una diffusa radio religiosa cura una rubrica in cui sviscera temi come "l'intimità con Dio, la contemplazione dell'Ineffabile, i carismi, il tuffarsi dell'Anima nei vortici dello Spirito ecc. ecc." Il Don insomma

                                    MASTICA  anche  di  MISTICA

 
bullet

18. TREMONTI[NO]: potrebbe ricordare Calimero. Ma un Calimero con gli artigli[etti]...


bullet

19. E' noto che vi sono degli stati che non hanno praticamente alcuno sbocco sul mare (interamente continentali). altri ce l'hanno, ma eccessivamente ridotto. Per questi ultimi potrebbero venire a taglio slogan in tedesco (MEHR MEER ! - omofonia perfetta), in spagnolo (MàS MAR ! - cambio di finale) o anche in inglese (MORE SHORE ! - cambio di iniziale). L'italiano, che di litorale ne ha anche troppo, non può essere d'aiuto a questo proposito.   

bullet

20.                                 

bullet

21. Tre anni e qualche spicciolo fa, il modesto scrivente in un suo libercolo (che è a disposizione, tra l'altro, di chiunque ne faccia richiesta) commentava la condanna di Romiti a 12 mesi di gattabuia. Si allega la riproduzione anastatica  (urca!)  dell'intervento. 


S.P.Q.R.

Oggi (05.12.2003) la notizia della revoca della condanna stessa. Allégasi, parimenti, ritaglio.

                                        

Dirà, magari, qualche malevolo di passaggio: <<Vuoi vedere adesso che questo tanghero (=lo scrivente, ndr) si monta la testa e finisce per credersi un novello émile Zola, quello del famoso "j'accuse"?>>
Puntualizzo: manco pe gnente (come dicono a Roma). Il nostro (plurale di modestia) non era uno "j'accuse". Il nostro (vedi sopra) era - ebbene, sì ! - il nostro era uno "je défend". Porta a casa. Tiè !

bullet

22. Ho chiesto al cumenda Ambrœus Galbusera di Casalpusterlengo (MI) - mio caro amico - che cosa pensa della recentissima sortita del "Senatùr ch'aghém" sui Bingo-bongo.
<<Il Bossi c'ha ragione da vendere: prima i Waka-putanga della Padania, poi i Bingo-bongo e, dopo ancora, i "terunàss" nostrani>>.

bullet23. L'autodafé gerosolimitano di Gianfranco Fini.   Reazioni incrociate:

                                                  DISSENTE TREMAGLIA
                                    
APPLAUDE TRANFAGLIA
                               


bullet

24.                                I DRAMMI DELLA DROMMI

07.12.03 - h. 23.40. Sull'onda del successo dell'Isola dei famosi, Rete-4 pensa bene di mandare in onda (apprezzate il bisticcio!) il film di Woody Allen La maledizione dello scorpione di ... Giada. (Contessina Giada Drommi De Blanc:  <<Mamma, mamma, mi ha punto uno scorpione!>>. "L'aristocratica" mamma Patrizia: <<Scorpione, scorpione, bip, biip, biiip!>>).

bullet

25.                                               I TRE CESARI

Il lasso di tempo che va da metà novembre a metà dicembre 2003 sarà probabilmente ricordato dagli storici della (seconda?) repubblica come l'età dei tre Cesari.  Le cronache italiane infatti sono state dominate, in questo periodo, da vicende riguardanti - a vario titolo - tre importanti(ssimi) personaggi pubblici contrassegnati, ambetré, da questo glorioso nome: Cesare Previti, Cesare Romiti e Cesare Geronzi (in rigoroso ordine di comparizione).

bullet

26.      Questo stelloncino è stato cestinato    
Red Dawn = Alba Rossa   (stiracchiato collegamento con l'Alba più nota).

bullet

27.            MORIRE DA EROE O PORTARE IN SALVO LA GHIRBA ?

<<La prima openione si era da volere morire ad honore armato con l'arme, con la spada in mano [...] a muodo de persona magnifica e de imperio [...]. La secunna openione fu de volere campare la persona e non morire [...]. Questa doa volontate commattevano nella mente sia. Venze la volontate de volere campare e vivere. Homo era come tutti l'aitri, temeva dello morire.>>

(dalla Vita di Cola di Rienzi  di Anonimo romano del Trecento)

Dice: ma perché inserire una vicenda così remota nel settore CRONACA (dedicato, quindi, all'attualità), oggi che i quotidiani non fanno che parlarci del ritrovamento di Saddam, nella <<tana del topo>>?
- E che ne so?


bullet

28.                     MARZIALE CONTRO MARZIALE

Marco Valerio Marziale affermava: non giudicatemi dal mio linguaggio sboccato: la mia condotta morale è irreprensibile.  In latino:

                                    NOBIS LASCIVAST PAGINA, VITA PROBA   S.P.Q.R.

Ironia dei... cognomi. Si chiama appunto Marziale (Antonio) uno dei più combattivi rappresentanti della Commissione di vigilanza sulla Rai-TV, che periodicamente si scaglia contro l'imperversare del turpiloquio sulle nostre reti televisive, pubbliche e private.  Con i risultati che sappiamo: il sofisma di Marco Valerio ha la meglio sul buon senso di Antonio.

bullet

29. <<Sono il signor XYZ e questa è la mia signora>>.   Non credo di essere l'unico ad avvertire in questo modo di presentarsi - dando cioè del "signore" a se stesso e della "signora" alla propria compagna di sventure - una venatura, neanche tanto impercettibile, di pacchianeria. e non credo di appartenere, per questo, alla categoria degli snob.
Oggi, sfogliando un manualetto inglese riguardante l'uso corretto e scorretto della lingua d'Oltremanica, mi imbatto nella seguente impagabile considerazione, soffusa e pervasa del più tipico humour britannico:
<<Only those men who are not gentlemen speak of their women friends as lady friends, and only those women who are not ladies speak of themselves as ladies and their men friends as gentlemen friends>>.



(E. PARTRIDGE, Book of Usage & Abusage, London, 1995 - s.v. lady)

Insomma: definirsi "signore" e definire "signora" la propria signora non è da signore (discreto scioglilingua, tra l'altro). E reciprocamente, si capisce: definirsi "signora" ecc. ecc.
E io che ero ingenuamente, masochisticamente convinto che il vezzo di autoproclamarsi signore - o di proclamare signora la propria metà - fosse un'esclusiva di quel "popolo di cafoncelli" che siamo noi Italiani... (Razzistaccio alla rovescia che non sono altro!).

P.S. - E pensare che i Giapponesi - prima, almeno, di essere contagiati dall'Occidente - per dire "io" dicevano: "questo miserabile angolino /della realtà)"; e per designare la propria moglie dicevano: "questa creatura priva di cervello"!   Quando si dice la modestia. (personale e di coppia, naturalmente)... Altre latitudini, altri climi.
- E allora i fieri Tedeschi, che per dire "il sottoscritto" dicono (dicevano?) "meine Kleinigkeit" (=la mia pochezza, la mia insignificante persona)?     Asse Berlino-Tokio?

bullet

30.                       LO SMEMORATO DI ... COLLECCHIO

- Ma insomma, signor Belissimo *, tutti quei fantastiliardi che fine hanno fatto?

- Non so... non saprei... non ricordo.


* kallistos = bellissimo.    Quindi: Calisto = ... Belissimo !

bullet

31.                            PAR MALàT    E  INVéC ...  è  MORT !

bullet

32. Non è vero che quello dei pacifisti sia un fronte omogeneo al 100%. Al contrario: le molle che spingono i vari fautori dell'antimilitarismo sono tra le più variegate; si riscontrano, insomma:

                                               MOTIVAZIONI IBRIDE
                                  
IN CHI SOSTIENE L'IRIDE

bullet

33.                                LA STORICA MICROFONATA
                                        del direttore di RAI-1 all'inviato di Striscia

                                    
IL DIRETTOR DEL NOCE, AMICI BELLI, 
                                     OGGI HA PERSO LE STAFFE  CON STAFFELLI.

                           
IL DIRETTOR FABRIZIO  (OSSIA DEL NOCE)
                                     OGGI A VALERIO  HA DATO SULLA VOCE.

                                     SPERIAMO CHE DEL NOCE  (OSSIA FABRIZIO)
                                     DI ROMPER NASI ALTRUI NON PRENDA IL VIZIO.

                                     SCOCCIATORI, ATTENZIONE (MA SUL SERIO!):
                                     CHE NON CAPITI A VOI COME A VALERIO.

bullet

34. Innamoramento, matrimonio, separazione: dal contatto al contratto, dal contratto al contrasto: da una zeppa gioiosa a un malinconico cambio di consonante.

bullet

35. SERGIO ROMANO. Altresì: una specie di avverbio-feluca (o di piuma sul cappello, detto alla popolaresca). Finché l'acu(mina)tissimo storico-politologo vicentino continuerà a "impiegare" questo avverbio, non si meravigli se gli interlocutori, intimiditi, continueranno a chiamarlo - un po'... anacronisticamente - "ambasciatore"; o addirittura - sentito con i miei orecchi - "Eccellenza".

bullet

36. Non c'è dubbio: l'espressione recentemente impiegata dal Governatore della Bank of Italy, Mr Factious, nei confronti del Chairman della Italy's House of Lords - e cioè: PEAR, WHO? - è stata ragguardevolmente irriguardosa. Ma se pensiamo che un superconduttore televisivo, per una frase analoga - Michael, who? - non ha fatto una piega (si è limitato a scrivere un libro), possiamo tranquillamente concludere: "Mr Pear, President of the Peers, ... abbozzi!".    

bullet

37.                   INCOMPRENSIONI TRA GENI OMOGENEI

Fece scalpore, mesi or sono, un'epica baruffa tra il professor Gianni Vattimo e lo scrittore Aldo Busi (immortalata anche da una diapositiva, avrebbero detto gli "strisciaroli" Grezzo e Fiacchetti). La cosa sorprese anche per via della dichiarata appartenenza di ambedue i contendenti allo stesso schieramento, diciamo, esistenzial-affettivo.
Un informatore fede-degno ci ha ragguagliato sulla vera genesi della litigata in questione. Lo scrittore, vedendo transitare il filosofo, gli avrebbe gridato (sulla falsariga del Faust goethiano):

                                     <<FERMATI, VATTIMO: SEI BELLO!>>

Il teorico del pensiero debole, più ferrato in Hegel che in Goethe, non afferrando forse la reminiscenza, non avrebbe gradito. <<Questo tanghero mi vuole sfruculiare. E a me di essere sfruculiato non garba punto: ecché mi ha preso per una checca?>> - pensò fortemente.  INDE  IRAE.    S.P.Q.R.

bullet

38.                   CAMBIO DI INIZIALE CON HANDICAP

Un'attendibile indagine sociologica avrebbe dimostrato che le donne con problemi di linea guadagnerebbero il 30% in meno rispetto alle colleghe meno in carne. Insomma: i chili di troppo non sarebbero soltanto un problema estetico; rappresenterebbero anche ...

                                   UNA  BARRIERA   ALLA  CARRIERA

bullet

39. Per la serie "I CALEMBOUR CHE HANNO FATTO LA STORIA": dopo il memorabile cambio di consonante di Piero lo Smilzo di qualche mese fa (<<Il Cavalier la chiama IMMUNITA', // ma in sostanza pretende IMPUNITA' >>), più recentemente Cicciobello "er Piacione" si è prodotto in un altrettanto inedito cambio di vocale: <<Nel calcio non ci vuol la POLIZIA, // nel calcio occorre fare PULIZIA !>>.

bullet

40. << WE GOT HIM >> (= l'abbiamo preso ): l'espressione con cui il portavoce delle Forze Armate USA, Bremer,  annunciò l'avvenuta cattura di Saddam, si segnala, dal punto di vista retorico, per la sua... antiretorica: essenziale, lapidaria e -soprattutto -  neutra, asettica, improntata al più dimesso "understatement" anglosassone.   Si sarebbe potuto dire: <<l'abbiamo catturato>>, <<l'abbiamo arrestato>>, <<l'abbiamo stanato>>, <<l'abbiamo acciuffato >>, <<l'abbiamo "beccato">>, ecc. ecc.  I sinonimi, anche pittoreschi, non mancano certo neppure in inglese. No: Bremer ha preferito servirsi del vocabolo più grigio, più spento, più sottotono che aveva a disposizione: il verbo to get. Verbo, oltretutto, polivalente (almeno 30 accezioni); che può, secondo il contesto, denotare i concetti più disparati e che, come tale, non ha un equivalente in italiano né - che io sappia - in alcuna delle 3 o 4 lingue occidentali più diffuse.  Questa tonalità volutamente anti-emotiva e generica conferisce all'espressione efficacia, energia e, paradossalmente, espressività.  Suggerisce un senso di "forza tranquilla": la serenità del vincitore (anche morale), che non ha bisogno di gridare la propria vittoria o la propria superiorità; facendola così apparire come naturale, dovuta, prevedibile.  Ricorda il cesariano <<VENI, VIDI, VICI>> e, forse ancora di più, l'asciutta perentorietà del <<VIXERUNT>> con cui Cicerone dai rostri, al calar delle tenebre, annunciò al popolo l'avvenuta esecuzione dei catilinari arrestati: sono vissuti, hanno concluso la loro esistenza, hanno cessato di vivere.  Insomma: sono stati giustiziati. Macellazione - stile Saddam, tra l'altro - ma elegantemente/efficacemente espressa.       S.P.Q.R.

P.S. - WE GOT HIM: 3 sillabe 3____ VIXERUNT: 3 sillabe 3. Per designare un'opera meritoria (primo caso) o una inutile crudeltà (secondo caso).

bullet

41.              E' UN MOMENTACCIO (TANTO PER CAMBIARE)
                                
Cambio di lettera

                  
      
L'Italietta di Carlo Azeglio Xxxxxx
                                                 è afflitta da fratture, spasmi e xyxxxx

N.B. - La soluzione in fondo alla pagina.


bullet

42.   

SPAZIO DISPONIBILE                            

bullet

43. Il critico televisivo del "Geniale" ritiene che la nuova conduzione a tre (Benvenuti, Laurenti, Sconsi) di "Striscia la notizia" sia affetta da <<mancanza di sprint e di atmosfera briosa>>.  In altre parole:

                                                       CODESTO  TRIO
                                                       MANCA  DI  BRIO


bullet

44.                                             ACIDO CORROSIVO

Il corrosivo corsivista di un noto quotidiano, che si firma jena, a proposito dell'assassinio di Fabrizio quattrocchi, osserva che forse è vero che i morti sono tutti uguali, <<Il problema - sogghigna la jena - è vedere che cosa facevano da vivi>>.

Complimenti: la scelta dello pseudonimo non poteva essere più azzeccata.

bullet

45.                                           OSSIMORO VIVENTE
                                               
(E VINCENTE FORSE)

Per dare un volto accattivante al suo Partito della Bellezza, Sgarbi ha ingaggiato l'on. La Malfa. Telesforo Jacobelli c'è rimasto male.


bullet

46.                                       COFFEE - COLO[U]RED  ?

Un noto notista (apprezzate il bisticcio!) politico definisce Kofi Annan <<l'incolore Segretario alle Nazioni Unite>>.  Incolore.        


bullet

47. E se un bel giorno Margherita, DS e SDI decidessero congiuntamente, per protesta, di disertare l'aula di Montecitorio? Il titolo pittoresco sarebbe già lì, bello e pronto:

                                        PER PROTESTA, OGGI, IL TRICICLO
                             
ABBANDONA L'EMICICLO.

bullet

48.                    

Rodrigo Diaz de Bivar
(1030 - 1099)
El Cid Campeador

José Luis Rodrìguez Zapatero
(1960 - ...)
El Bambi Escapador

                           LA GRAN RETIRADA DE LOS EXMATAMOROS >>

  
                                                    Cambio di vocale 

             
1.                        Ohimé, la  Xxxxxx
                                    
getta la  xxyxxx !


                                     
Aggiunta iniziale

                
2.                Bush said: << What a deep  xxxx
                              
you bring to my heart,  Yxxxx ! >>      

NB - La soluzione in fondo alla pagina.

bullet

49.             COSTANZO MAURIZIO, Chi mi credo di essere  (novità libraria).
                        Sintesi del contenuto: IO, UN TOZZO CARISMA.

N.B. - Purtroppo, questo felice anagramma del nome e cognome del più longevo (dopo Mike B.) dei conduttori non è farina del sacco di Peter Pun. Ma, visto che da qualche lustro esso non viene più ricordato, mi è parso utile riproporlo.


bullet

50.                                                   Zeppa micidiale

L'oscena violenza e la criminale leggerezza di chi ha umiliato dei prigionieri inermi e ha "immortalato" le proprie prodezze.

Frutto prevedibile:

                                              L'ARABIA  =  LA RABBIA

bullet

51.                                   RUZZOLONE AL QUIRINALE
                            
(Aggiunta sillabica iniziale)

                                             Nonno Carlo Azeglio  Xxxxxx
                                             per favore, non  yyxxxxxx

N.B. - La soluzione in fondo alla pagina.

bullet

52.                                     ROULANT SUR LE TAPIS
                         
(Sul Colle più alto si sdrucciola)

                                        Per colpa di un'angusta bischerata
                                       
la clavicola destra è sinistrata.
                                        Festeggiare con una bicchierata
                                       
la funzionalità recuperata !


bullet

53.        E' APPARSO UN <<MINI-SCHUMI>> MADE IN ITALY  ?
                          
Aggiunta sillabica iniziale

                                  Evviva, ha vinto Jarno,  Jarno  Trulli:
                                    gli Italiani non son tutti  citrulli !

.


bullet

54. Un cambio di vocale che rischia di entrare nei libri di storia: quello con cui gli Induisti "duri e puri" hanno espresso il loro rifiuto di Sonia Gandhi (nata ahilei, Maino) come Presidente, in quanto italiana:

                                               RAMA Sì, ROMA NO !

P.S. Rama è la divinità più amata del panteon indù.


bullet

55.                                     EH,  MINA...  COME  MENA !
                                 

Da alcuni anni la notissima cantante Anna Maria Mazzini - in arte Mina - è titolare di una rubrica fissa sulla prima pagina di uno dei più importanti quotidiani nazionali: commenti, puntuali e puntuti, di fatti di cronaca, di costume, di politica... Non si tratta di annotazioni all'acqua di rose ("Mille bolle blu..."). Al contrario. La tigre di Cremona sfodera tutti i suoi artigli e mena fendenti a dritta e a manca da far paura. 
                                      Mena
,  Mina,  mena
!


bullet

56.  28.08.04 - Titolo in prima pagina: << Alla sede romana di "Repubblica". MINA SPEDITA IN REDAZIONE  >>.
La carriera giornalistica della ex-Tigre di Cremona prosegue: da "La Stampa" a "La Repubblic(on)a" (Niente meno !)



bullet

57          .PERCHE' NON POSSIAMO NON DIRCI EX-CRISTIANI
                                (A Bruxelles è passata l'Europa dei grembiulini)

Parlamento di Bruxelles. Al nostro Cavaliere, che aveva appena finito di preparare l'opportunità del famoso riferimento alle "radici cristiane", monsieur Chirac, stando ad alcune testimonianze auricolari, avrebbe osservato, con sorniona perfidia: <<Merci, mon père!>>.
Con perfidia eguale e contraria, Berlusconì avrebbe potuto replicare: <<Pas de quoi, Robespierre!>>. (Solleticando, oltre tutto, l'amor proprio dell'inquilino dell'Eliseo: c'è da giurarci).


bullet

58. Incontro il mio coetaneo e sosia Odoacre Pistacece (Odo per gli amici) a Mazzangrugno e, sapendo della sua viscerale antipatia per Lilliput  Gruber (la trova insopportabile, innaturale, indisponente, perdutamente innamorata di sé: quindi la negazione - per esempio - del famoso sex-appeal), cerco di sfotterlo: <<Allora, la "tua" Teodolinda Scavafosse [così è solito chiamarla; traducendo, correttamente, l'originario Dietlinde G.] si è imposta alla grande! Un po' depresso?>>.
- <<Per niente. anzi: finalmente potrò godermi in pace il TG-1, senza dover fare continuamente zapping>>.  



bullet

59.                  CONCORSI UNIVERSITARI TAROCCATI

Barone = accrescitivo [vero] di baro.

N.B. - Per l'enigmistica classica sarebbe un falso accrescitivo.


bullet

60.                                     SCANZANO, ITALIA

Nell'ex-Belpaese nessun Comune si batte per aver discariche nel proprio territorio. al contrario: TUTTI LE SCANSANO.


bullet

61.                      E SE I TAGLIAGOLE INCAPPUCCIATI
          COMINCIASSERO A SCANNARSI A VICENDA?



                                                              Oh, se un'interna faida
                                   
decapitasse al-Qàida,
                                  
idra assassina e laida !


bullet

62.                                   LA BANDANA DEL BANANA

Sorprende che, in riferimento alla famigerata bandana del Cavaliere - che ha impegnato a tempo pieno schiere di cronisti e commentatori in questo rovente dopo-ferragosto 2004 - a nessuno (neppure a Luca Canali e a Luciano Canfora) sia venuto in mente di rievocare il precedente classico del cane di Alcibiade.
Anche allo studente più svogliato rimane impressa la vicenda di questo scaltro, spregiudicato personaggio pubblico dell'antica Atene; che un bel giorno decise di mozzare le orecchie a un bellissimo cane di sua proprietà, rovinandone così irreparabilmente l'estetica.
Agli amici che gli domandavano perché mai avesse combinato quella stranezza aveva risposto: << Perché così gli Ateniesi concentreranno i loro pettegolezzi a mio riguardo su questa futilità e mi risparmieranno critiche ben più serie e dannose per la mia carriera >>.
Davvero si tratta di un accostamento cervellotico? 

bullet

63.                MOSTRA CINEMATOGRAFICA - VENEZIA 2004

Quest'anno il LENONE D'ORO non verrà assegnato. Esso resta appannaggio del neo-regista  Bernardino Sbattolucci;  che se lo è aggiudicato  ( ricorderete)  col suo arciconformista - pardon: anticonformista - "The Onan's Boys".
In compenso, siamo in grado di fornirvi l'elenco (incompleto) dei film presentati nella sezione The Kings of the P-Movies. (Dove P sta per PECORECCIO).  Eccoli:



1. Quel gran pezzo della Ubalda,
    tutta nuda e tutta calda.

2. Quel gran pezzo della Edwige,
    di Lussuria eccelsa effige.

3. Quel gran pezzo della Ilona,
    di Lascivia immensa icona.

4. Quel gran tocco di Moana,
    di Erotòpoli sovrana.

5. Son Vitali, nonché Alvaro:
    sono un un gran parolacciaro.

6. Son Alvaro e son Vitali:
    non tiratemi i pitali.

7. Sono Alvaro, ossia Pierino:
   il mio logo è un porcellino.



N.B. - porcellino :  nel senso alto, culturalmente impegnato,  che ha il nobile termine francese cochon.   (Non equivochiamo, per favore).

 

bullet

64.  La splendida riconferma di Josepha Idem alle Olimpiadi di Atene 2004.
Tacitianamente:                   

                                         IDEM  SEMPER  EADEM       S.P.Q.R.


N.B. - Traduz. a beneficio dei refrattari della latinità: la Idem è sempre la stessa.  Notando che, in latino, idem significa lo stesso e èadem vuol dire la medesima.

bullet

65.                   L'ETERNO RITORNO DELL'IDENTICO
                            
(dèjà vu... déjà lu)

    -  Giovanissima scrittrice racconta la storia di una sua coetanea disinibita che ne combina peggio di Bertoldo e di Carlo in Francia messi assieme e moltiplicati per quattro.

     -  Ho capito: MELISSA P., Cinquanta ripassate di vibrafono prima di infilarsi il pigiamino - Aci Castello (CT), 2002!

     -  No: FRANçOISE SAGAN, Bonjour tristesse - Parigi, 1954


 

bullet

65 b.     



P.'s   portrait
 

          Pelle  pellucida,  pallescente,  perlacea:  preziosa  porcellana  purissima


 

bullet

65c.                                         PELISSA'S  PRODUCTION
                                            Pan-ologramma... para-pseudo-pedopornografico

Procace, precoce (praticamente pre-pubere) pornoscrittrice provoca pudibonda pruderie puritani pubblicando piccanti pruriginose pagine, presentando particolareggiatamente proprie plurime prodezze/peripezie porcelloncelle "poliandriche" (parzialmente - 20% - presunte: puntigliosa puntualizzazione personale picciotta  pluriproibita).    Parrucconi protestano:  "Peripatetica ! "  (= passeggiatrice) .   Parlando papale papale:  "
14.19.18.18.1.12.5.10.10.1.  ! ".   Poliglottando pressapochisticamente: "Prick-addict !"



bullet

66. Alcuni visitatori volenterosi ci hanno cortesemente segnalato altri titoli di film proiettati (o proiettabili) a Venezia 2004, nella sezione P(ecoreccio)-movies. Un primo campione:

1.  Alle dame del castello 
    piace molto fare quello.

2. Fanno bene quei giochini
    le signore dei villini.

3.  Ecco a voi la bell'Antonia
    prima monaca e poi demonia.

4.  Coscialunga Giovannona
     tutta calda e tutta bona.

5.  Pace e bene, pace e bene:
    chi ha le corna se le tiene.

6.  Vuoi aver l'assoluzione?
     Baciar devi 'sto cordone.

7.  Mazzabubù, mazzabubù:
     quante corna ci stanno quaggiù?

                                             (continua)

bullet

67.                               CANALI A PAGAMENTO

Si scrive SKY, si legge SCàI e si pronuncia... SCHèI  (alla veneta).



bullet

68.                                          ELECTION DAY
                            
(U.S.A., 02.11.04)

Chi la spunterà tra i due contendenti?   L'Assoluta Mediocrità o la Nullità Totale ?   Il Pasticcione o la Banderuola ?

bullet

69.                                    SIGLA BENEAUGURANTE

E' nata - o sta nascendo - a sinistra la G.A.D. (=Grande Alleanza Democratica). Padrino o sponsor obbligato: l'omonimo intellettuale della stessa area, il super-conduttore Gad Lerner. Forse non tutti sanno che GAD - nome di uno dei dodici patriarchi biblici, progenitori delle tribù di Israele - significa FORTUNA.  

[Gad Lerner, tradotto integralmente, equivarrebbe a : BONAVENTURA ALUNNO ].

bullet

70.                  MISSIVA POST-MISSINA A MIRCO TREMAGLIA

       Caro onorevole,
                        secondo me, invece di scrivere: <<l'Europa dei 3-19-10-1-18-18-13-12-9 >> (vocabolo, oltre tutto, già "valorizzato" (e quindi bruciato da Sgarbi, alcuni mesi fa: quando coniò la storica espressione: <<3-19-10-1-18-18-13-12-9   raccomandati >>), Lei avrebbe dovuto scrivere: <<l'Europa dei diversamente normali >>.

Sarebbe stato l'OSSIMORO DEL NEONATO MILLENNIO.

bullet

71.                     ASCOLTANDO   RADIO-3 MONDO  (ORE 10)

<<Cari... cari... cari... eh... ascoltatori, buon... buon... buon... eh... giorno da... Paolo... eeeh... Franchi...>>.

N.B. - Il summenzionato (sia pure a fatica) conduttore, a parte il su riportato vezzo (= cercare con gigionesca lentezza e studiata indolenza anche le parole più ovvie), è un professionista più che apprezzabile e non vorrei che lo cambiassero. Gradirei (solo io?), semmai, che lui si cambiasse un po'.

bullet

72.                                       L'EMPIRE  EMPIRE   
                                                Bisenso - boomerang

E cioè:  L'impero peggiora.  Questo impagabile bisenso campeggiava a mo' di titolo sulla prima pagina di uno dei più autorevoli quotidiani francesi, poco prima di metà novembre.
Test di ingenuità: Lei sospetta che il titolo si riferisce ad una ex-potenza coloniale europea che aveva distrutto il giorno prima l'intera flotta aerea di un libero paese africano, reo di aver recentemente provocato - per errore - la morte di alcuni cittadini della sullodata ex-potenza coloniale europea?
Se Lei è (seriamente) persuaso di questo, a Lei spetta di diritto l'Oscar dell'ingenuità.

bullet

73. La religione predominante in Sicilia è quella islamica.  Di rito latino.    Provate a seguire, ad esempio, l'annunciatrice del TG3 (notte fonda!) Maria Rosaria De Medici: si direbbe emigrata pari pari da qualche puritana TV degli Emirati (le manca solo il chador).

                                                  
(à suivre)


bullet

74.                                  MERCENARI  E... MERCEDARI

Tutti (o quasi) i candidati a "Passaparola" sanno che i MERCEDARI erano un ordine religioso-cavalleresco, nato in Spagna nel XIII secolo e dedicato a Nostra Signora della Mercede (di qui il nome). I suoi componenti si impegnavano a riscattare i cristiani divenuti schiavi dei saraceni. In qualche caso addirittura prendendo il posto dello schiavo da riscattare. Campioni, dunque, di purissimo, disinteressato, eroico altruismo.
Tutto questo per concludere che Romano Prodi si è lasciato recentemente sfuggire un'occasione d'oro per sfoderare un efficacissimo slogan anti-berlusconiano.   Questo:

                       I VOSTRI GALOPPINI SONO DEI   MERCENARI,
                
I NOSTRI ATTIVISTI SONO DEI   MERCEDARI  !!!

                                 

bullet

75. Il divieto di fumare nei luoghi pubblici verrà fatto slittare - pare - di qualche settimana.
      Una boccata di ossigeno per i poveri fumatori.


bullet

76. Per non urtare la sensibilità degli alunni islamici - che in realtà sono stati educati a venerare il profeta nazareno - qualche disinformato (ma non è colpa sua!) pedagogo ha sostituito, in una canzoncina natalizia, il nome di Gesù con la parola virtù (la rima è salva, la metrica pure).
Commento comprensivo di fra Ermenegildo da Lamporecchio: << Non infieriamo, suvvia! Al povero Gesù poteva andare anche peggio, molto peggio. Immagino con quanta feroce soddisfazione certi mangiacristiani di mia conoscenza avrebbero sostituito al nome di Gesù la parola... grisù.   E non solo tra noi toscanacci >>.


bullet

77.                                              31 dicembre 2004 
                                          
ATTENTATO !!! 
      
Il Cavalierino fatto segno a un lancio di cavalletto

                                  << Cribbio !   Un trìpode ! >>

NB:      - Trìpode? Ma che parola antiquata !
           -  Perché, invece cribbio... 


bullet

78.   

DUE ERE DURATE VENTIDUE ANNI

                      
1922-1944: durata del Benito Mussolini Show.  Eia, eia, alalà !
1982-2004: durata del Maurizio Costanzo Show.   Blàbla, blàbla, blablablà.

P.S. - Va osservato che l'epilogo della carriera del Grande Conduttore è stato meno traumatico di quello che ha concluso la marcia del Grande Condottiero.  Nel caso di M.C. non si è avuto nessun Piazzale Loreto.  L'intrattenitore è stato morbidamente fatto planare su Buona Domenica, Buon Pomeriggio e, per interposta Maria, su C'è posta per te.


bullet

79.            UN'ONDA S'INNALZò FINO ALLE STELLE
                 E SPAZZò VIA DAL VIDEO  < LE GEMELLE >    

                      
In tempi in cui regnava il lazzo e il riso
                                      sul video imperversavan le Lecciso.

                                      In tempi assai più tristi e assai più grami
                                      imperversa sul video lo tsunami.

                                     
In un'epoca allegra e ridanciana
                                      sullo schermo impazzava Loredana.

                                      In questo tempo, di gaiezza vuoto,
                                      impazza sullo schermo il maremoto.


bullet

80.                              SINISTRA A TRE CILINDRI ?

                       
Certe volte  (io credo)  il Listone
                             
è un Triciclo a cui manca un pistone


bullet

81.                                 ARIDATECE  A  BAFFONE !

Incredibile, ma vero: è possibile imbattersi - e non solo nella ex-Unione Sovietica - in orfanelli inconsolabili del "piccolo padre" Josip Vissarionovic Jugasvili (ina arte Stalin).

                                                    
Stalin:  lì stan


bullet

82.                            CONNAZIONALI   ALL'ESTERO
                       DOPO  IL  CATACLISMA

                                                  Bisenso di speranza

                                        Anche il rappresentante consolare
                            
giunge i sopravvissuti a consolare


bullet

83.   Maggio 2005.
In margine alla recente vicenda dello studente universitario imolese che "bolla" come TERRONA la compagna pugliese, vorrei far notare che in Alta Italia considerano "terroni" tutti quelli che sono nati SOTTO IL PO.
Ho vissuto per una quindicina d'anni in Lombardia e questo ritornello me lo sono sentito ripetere decine di volte. - "Sota al Po i è tücc terùn.  T'è capì, terunass del Menga?".
Quindi, nell'ottica del profondo Nord (Polentonia, per intenderci), Imola - situata, se ben ricordo, a Sud del Grande Fiume - è Terronia a tutti gli effetti; né più né meno di Martina Franca.
Ah, dimenticavo: sono marchigiano di origine; terrunciello, quindi, e fiero di esserlo.

bullet

84.                 IL  FILOSOFO  AFFRONTA  IL  GIUDICE

Epico confronto, a Venezia, tra Massimo Cacciari e Felice Casson per la carica di Sindaco della città lagunare.
Otterrà Cacciari il MASSIMO dei voti o sarà Casson FELICE per la vittoria?
Sarà Casson a cacciare Cacciari o sarà Cacciari a cassare Casson?


bullet

85.                          << CAPATOSTA,  'A  GUAGLIONA ! >>
                                           Cambio di consonante... grintoso

E così, la nipotina di zia Sophia e di nonno Benito l'ha spuntata.  La "burdèla" ha dimostrato di possedere un discreto paio di graziosi... bicipiti[ni].
Come a dire:

                                     I  muscolini  della  Mussolini 


bullet

86.                                   LA  COLPA  DELLA  PIA ?
     INNAMORARSI  DI  UN   FARABUTTO  (E  SPOSARLO)

                               
[attualità di DANTE: Purgatorio  V, 133-136]

E così, ancora una volta, Nello de' Pannocchieschi è riuscito a sbarazzarsi dell'ingombrante Pia de' Tolomei.  Facendole fare, questa volta, la fine del Conte Ugolino: con la complicità di uno stato-canaglia (rogue state).  Potrà così convolare, il Nellaccio, a giuste  nozze con la Margherita Aldobrandeschi di turno.
Nessuna allusione, naturalmente, alla macabra vicenda, appena conclusasi, di Terry Schindler, (mal-)maritata Schiavo  (31.03.05).

                                       DUE EPILOGHI  QUASI  PARALLELI

Fine secolo XIII: Nello de' Pannocchieschi - sbarazzatosi di Pia de' Tolomei - si risposa con Margherita Aldobrandeschi.

Inizio secolo XXI: Mikael Schiavo -  liberatosi di Terry Schindler - convola a giuste nozze con Jody Centonze.


bullet

87.
Martedì, 05-04-05.      E così, orecchino in resta, Vendola si  piglia  la  Puglia.

Commento virtuale dell'on. Mirco Tremaglia: l'ha spuntata il partito di quelli con le orecchie... a ventola.
In simil-bergamasco:   l'ha henciù öl partì di i urègia.

bullet

88.                                      BRESCELLO, ITALIA

              
REFERENDVM  REVERENDVUS  SIBI  PAPPAVIT
                                                      [13 (!). 06. 2005]

-  E così, questo round se lo sarebbe aggiudicato don Camillo  (Ruini, per gli intimi)

-  Sì, questo round lo ha ingloriosamente perso per k.o. Peppone.

-  Peppone Fassino vuoi dire, vero?

-  No: Fassino è lo Smilzo. Sto parlando di Peppone Pannella.  Oltretutto, a questo omone (perfida definizione di Michele Serra) l'accrescitivo si attaglia molto più che a Gino Cervi, assai meno corpulento.

                                                       

Giacintone nostro si è beccato un'ombrellata in piena regola (stile Altan: tramite infil[z]atura in sede acconcia).  E adesso i malignazzi insinueranno magari che Giacinto-Peppone avrà, tutto sommato, gradito la fatidica ombrellata in zona strategica.  Falso, falso, smaccatamente falso: il cardinalone scardinalato (definizione di un altro don Camillo: si tratta del giornalista Langone, frate gaudente e/o abate galante in forza al mitico Foglio) non ha affatto grillini  per la testa, né orecchie a vendola, tampoco; checché se ne dica.
Insomma: je rode, je rode, ammazza se je rode !

ERODE, ERODE, ERODE: qui si allude, qui si ammicca, qui si insinua... Guardi che io ci metto poco a querelarla, sa ?

-  Ma mi faccia il piacere.  Guardi che io non ci penso due volte a contro-querelarla, sa?


bullet

89.  Per "sedurre" la Semiramide del nord Berlusconi ha dovuto sfoderare - per sua ammissione - <<tutte le sue arti da play-boy>>. Dopo il cavaliere-operaio, dopo il cavaliere-cabarettista, adesso abbiamo anche il  CAVALIER SERVENTE  (di pariniana memoria.) 


bullet

90. 

                                                    [dai quotidiani del 5/7/2005]

Parafrasando un storico appello del patriarca delle toghe milanesi:

                                            Sperperare, sperperare, sperperare!  

bullet

91.                                            HORROR  CRUCIS

Per non far venire la mosca al naso a Bin Laden, è stato deciso che la Croce Rossa d'ora in poi sarà sostituita dal Rombo Rosso.
Saremo così costretti a cambiare anche un sacco di locuzioni collaudate. Non potremo più dire "non si spara alla Croce Rossa",  bensì: non si spara al Rombo Rosso.
Non avrà senso dire: con la dedizione di una crocerossina, ma:  di una romborossina.
Non si potrà dire crocevia e crocicchio, ma: rombovia e rombicchio.
Cambierà anche l'espressione: "dar la croce addosso", "mettere in croce qualcuno;" ma: dare il rombo addosso e mettere in rombo qualcuno.
Anche la "Traviata" subirà qualche modifica: non più "croce e delizia al cor"; ma: rombo e delizia al cor.

bullet

92.                                     OCCHIO  AL  PENNUTO !
                                                     Anagramma... zoppo

                                        La cosmonave Terra ha un'avaria:
                                      l'aviaria incombe, orrenda pandemìa.

NB - Consolazione magra: l'anagramma rimarrebbe ugualmente triste, ma perderebbe la sua "zoppìa", se lo formulassimo così: AVIARIA = AVARIA I  (cioè: numero uno).


bullet

93.  Si parla in questi giorni (20-10-05 ss) dei gemelli polacchi arrivati ai più alti vertici della politica. Il loro cognome - Kaczynski, va pronunciato (mi assicura un quasi esperto di quella lingua) Cacinschi. La zeta, insomma, assicura soltanto la pronuncia dolce della ci.  Le giornaliste, quindi possono evitare pronunce imbarazzanti.  (Le croniste del radio-giornale 3, senza il minimo imbarazzo, sbagliano allegramente la pronuncia).


bullet

94.                                   E mentre l'inglesina s'allontana
                                          un regazzinetto s'avvicina,
                                    pesca er sòrdo drento a la fontana
                                                      e se ne va.

           (Ultima e poco nota strofa della celeberrima canzone Arrivederci, Roma)

E mo', perché un branco de morti de fame s'è messo in saccoccia  quarche monetina gettata in acqua  dal solito turista sentimentalone, volemo fà tutta 'sta caciara?

bullet

95.                              APPECORONàMOSE !   

28.11.05 - I  TRE  ISLAMICI,  SOSPETTATI  DI  TERRORISMO,  RI-ASSOLTI. -  "Nel nome di Allah clemente e misericordioso, l'Italia clementina e misericordiosa vi scagiona da ogni (serio) addebito, si scusa e s' impegna a conferirvi al più presto il Cavalierato di Gran Croce - pardon: di Gran Mezzaluna ".

bullet

96.                      VIXI  PUELLIS  NUPER  IDONEUS
                                                 (Odi   III, 26)

E cioè (versione libera): "Fino all'altro ieri ero in condizione di suscitare - e soddisfare - l'interesse delle fanciulle. Oggi non più".   Così cantava, con una punta di (moderata) malinconia il poeta Orazio, svariati decenni orsono. Avesse tenuto duro ancora qualche stagione, avrebbe potuto usufruire della pastiglietta azzurra, che Titti Maiolo vorrebbe passare, a prezzi stracciati, a tutti i pensionati.   Peccato.

Sempre in argomento: scriveva il pio Manzoni nei primi decenni dell'Ottocento:

                                     I vegliardi che ai casti pensieri
                                  della tomba già schiudon la mente


         
(Coro dal Conte di Carmagnola)

E nella Pentecoste supplicava così lo Spirito Santo:

                                              Adorna la canizie
                                            di liete voglie sante

Chissà se, con le agevolazioni pro-anziani sopra ricordate, don Lisander cambierebbe qualcosa della sua visione della terza e quarta età...

A proposito: un saggio dell'antica Grecia (il poeta tragico Sofocle), vissuto naturalmente in epoca pre-cristiana e quindi sicuramente immune dalla cosiddetta sessuofobia giudaico-cristiana, così si esprimeva: "Ringrazio la vecchiaia che mi ha liberato dal più crudele dei tiranni: Eros".   Per Simonide, insomma, la famigerata e tanto aborrita pace dei sensi non era uno spettro da esorcizzare: tutt'altro.

(continua...)


bullet

96 bis.                                IRONIA   DEL  MERCATO

Sempre a proposito della pastiglietta azzurrognola. Attendibili sondaggi dell'ultima ora rivelano che la domanda della stessa si è drasticamente afflosciata. 

bullet

97.                   "CONSORTE  INDAGATO"
[Titolo a 9 colonne apparso, quasi identico, su praticamente tutte le testate giornalistiche di metà dicembre 2005]

                               Moglie troppo sospettosa o marito troppo irrequieto?


bullet

98.                                           BOLIVIA, 18.12.05
                
Bisenso + cambio di vocale di portata (forse) storica

                                           "Un evo nuevo annuncia Evo Morales": 
                                              strillano innumerevoli murales.

bullet

99.                                                               

 
RIO
TO 
 FAZIO  DIMISSIONA

Commento di un tele-dipendente: "Eppure Che tempo che fa  era una trasmissione di tutto rispetto:
così va il mondo...".

 

bullet

100.   Sull'Isola dei famosi erano presenti varie protagoniste in ... profumo di santità: la Del Santo, la Santarelli, la Santoni, la Santucci...     Mancavano soltanto la Santanché e la Santacroce (Isabella, naturalmente, non Cristina).      Come dire:  un tripudio di aureole e di areole.


 

bullet

101.            POPOLAZIONE  prevalentemente... SANA'A
                                                        Scarto di alto valore civile

Vi sono molti   yes-men    nello   Yemen ?    Non direi proprio; al contrario.   Penso alla quasi unanime riprovazione da parte della popolazione locale nei confronti di operazioni di sequestro compiute, anche recentemente,  da minoranze senza scrupoli.


 

bullet

102.         PRIMA CHE SCATTI IL BIMESTRE BIANCO
                      DELLA PAR CONDICIO


L'onnipresenza mediatica del Cav.    In questo periodo - rilievo unanime di tutti gli osservatori - il Berluskaiser dilaga, deborda, tracima, esonda, straripa ... su tutti i mezzi di comunicazione audiovisiva.
Con quali conseguenze?  L'Auditel registrerebbe sensazionali impennate.  Il Cav come equivalente catodico della famigerata pastiglietta azzurrognola?


 

bullet

103.             'O  FRATE  'NNAMMURATO  ?
                                                  Scarto iniziale... malandrino

                                               Il  confessore  di  Luana  Xyyyyy
                                      ha un debole - si mormora - per  l' yyyyy


P.S. - La soluzione in fondo alla pagina.


 

bullet

104.                                               EZIO  CAPIZZANO
                                        Cambio di iniziale  casanovian - dongiovannesco

                                                      L'attempato   xxxxxxxx
                                                   che insegnava  a  Yxxxxxxx.


 

bullet105.                                             Cambio di vocale  con jella incorporata

Le due grane dell'on. Calderoli: una si chiama Sabina Negri  (Signùr, i negher !), l'opinionista di Markette con la kappa; l'altra è la famigerata T-shirt  con vignettaccia acclusa.
                                     Come dire:   la mogliettina e la magliettina.


 
bullet106.            BERLUSCONCINO  COME  ANNIBALETTO

"Io ero un fanciullo di appena nove anni quando mio padre Amilcare mi condusse vicino all'altare su cui stava per sacrificare e volle che io vi ponessi sopra la mano e giurassi che mai sarei divenuto amico del popolo romano. Il giuramento fatto a mio padre io mantenni fino a questa età e in modo che a nessuno può sorgere un dubbio circa la mia costanza di sentimento per l'avvenire".

(CORNELIO NEPOTE, Vita di Annibale Barca )

          "Vorrei concludere ricordando una breve storia.
La storia di un ragazzo che, alla fine dei suoi studi liceali, fu portato dal padre a visitare il cimitero in cui riposano molti giovani valorosi soldati, giovani che avevano attraversato l'Oceano per ridare dignità e libertà ad un popolo oppresso.  Nel mostrargli quelle croci, quel padre fece giurare a quel ragazzo che non avrebbe mai dimenticato il supremo sacrificio con cui quei soldati avevano difeso la sua libertà.  Gli fece giurare che avrebbe serbato per il loro Paese eterna gratitudine.
          Quel padre era mio padre, quel ragazzo ero io.  Quel sacrificio e quel giuramento non li ho mai dimenticati e non li dimenticherò mai".

(Conclusione del discorso tenuto al Congresso americano dal presidente Silvio Berlusconi)


 
bullet

107.   "E Bertinotti è uomo d'onore".  Con questa formula,  l'on. Prodi ha recentemente cercato di rassicurare chi gli esprimeva preoccupazione nei confronti dell'imprevedibile (1996 !) leader di Rifondazione.
L'intenzione di Prodi era certamente seria e convinta. Tuttavia l'ascoltatore non poteva non richiamare alla memoria l'analoga frase che Shakespeare mette in bocca ad Antonio nel celeberrimo discorso: "And Brutus is an honourable man".  Superfluo sottolineare che nella mente di Antonio "uomo d'onore" è un sarcastico eufemismo per non dire grandissimo figlio di buona donna.


 

bullet

108.  11 Aprile 2006,  h. 10  a.m., CAMPAGNA  DI  CORLEONE  (PA)


                                                        " Provenzano sono"



 

bullet

109.                                 QUANDO  CARUSO  STECCA
                          
 Il  no-global  Ciccio Caruso si produce periodicamente in esternazioni che non soltanto mandano in bestia i suoi avversari politici, ma spiazzano pure i suoi compagni di cordata; turbando i sonni del buon Romano Prodi.


 

bullet

110.   Nel discorso di insediamento del neo-Presidente della repubblica, Agricola Partenopeo, vengono celebrati (osservo) il Risorgimento e la Resistenza, ma con questa importante postilla: "pur senza ignorare eccessi e aberrazioni" dell'uno e dell'altro avvenimento.
Non avevo mai sentito finora nessuno (dico nessuno), a quel livello, avanzare questa spericolata riserva . Questo, signori, ha la stoffa del kamikaze: altro che coniglio bianco in campo bianco!
Non basta:  nessuno degli ex-difensori a oltranza di Moranino - miracolo nel miracolo! - ha accennato, neppure timidamente, a un qualsiasi tentativo di dissenso.


 

bullet

111.   OMBRE  SUGLI  ULTIMI  (SOLTANTO?) SCUDETTI  DELLA  JUVE

                               Le  fiaccole  sotto  i  moggi
  

   
 

bullet

112.  Chiede la parola il collaboratore prof. Aristodemo de Prosdocimis: gliela concediamo ben volentieri, consapevoli che la sua ben nota pignoleria rappresenta, al tempo stesso, la sua debolezza principale e il suo punto di forza più notevole.

Quando l'ex - ministro Calderoli ammise che la legge da lui stesso caldeggiata era un'autentica  PORCATA, incorse in un lapsus lessicale. In realtà una "porcata" è un'azione non soltanto scadente oltre misura, ma anche ispirata da bassezza d'animo: è un sinonimo, insomma, di canagliata.
La parola assonante che il Calderoli avrebbe dovuto/voluto adoperare era... porcheria.
La porcata appartiene alla categoria dei comportamenti spregevoli; la porcheria a quella dei comportamenti semplicemente infelici.  A proposito, ricordo che, durante il liceo, mi capitò - durante un'interrogazione di Scienze - di scrivere sulla lavagna la formula di un reazione chimica in modo grossolanamente errato. Mi resi ben presto conto della mia "somarata" e il professore (di origine bergamasca, come l'on. Calderoli) mi invitò bonariamente a cancellare quella  - espressione testuale - "porcheriola". Ricordo che la frase non mi ferì particolarmente (certo non era un complimento!). Ma se mi avesse detto che avevo fatto una "porcata", non dico che l'avrei querelato; ma avrei probabilmente pensato tra me e me: "Sarai anche bravissimo in Chimica, ma in Italiano sei piuttosto grezzo".

P.S. - Il fatto che l'onorevole in questione possa, in qualche circostanza, servirsi di un lessico meno appropriato non toglie nulla alle sue riconosciute qualità tecnico - professionali.   A Bergamo - dove l'odontoiatra Bob Calderoli  esercitava con successo  - gira il seguente epigrammetto:

                                                  si öl to dent al gh'ha  öl caroeul
                                                  te gh'è de 'ndà dal Caldaroeul   
         

Strofetta  bergamasca inopinatamente comprensibile anche da un normale italiano. A parte il termine caroeul, che significa  carie.      


 

bullet

113.                             NEQUE  CASTE  NEQUE  CAUTE
                                             Cambio di lettera  a luci... rossastre

                  " - E' bello?  -
Non bello, tutt'altro.   - Gli piacciono molto le donne... "

Chi non ricorda
il salotto di nonna Speranza di guidogozzaniana memoria?  Le precedenti espressioni sono riferite - si ricorderà - al "giovine re di Sardegna", cioè al futuro Vittorio Emanuele II; trisavolo di Vittorio Emanuele felicemente (e fortunatamente, aggiungerebbe qualche malevolo) non-regnante.
Possibile postilla:

                                               Posso dire una cosa un po' maligna?
                           Il pro-pronipotino non traligna:
                           è nonno e ci dà sotto (e con che tigna!)


 

bullet

114.                                      CONCUSSIONE  ZOZZUALE  ?

Chissà perché il magistrato John Henry Woodcock (i soliti goliardacci incorreggibili sono pregati di non fare ironie a sproposito su questo cognome) non si fa aiutare nei suoi terzogrado riguardanti materie scabrosette dall'imbattibile Daniele Vergassola.  Si arriverebbe in modo molto più spiccio, diretto e inequivocabile ad appurare la sussistenza o meno del fatto addebitato: con una semplice domandina secca secca di non più di 5 o 6 parole.

                                                       Cambio di consonante... inquisitorio

                                                                 Contessa, confessa:
                                                                 ti sei mai concessa?
                                                               Ti sei mai...
connessa?



 

bullet

115.   

(da Il Giornale dell'11 luglio 2006)

(da Il Corriere della Sera dell'11 luglio 2006)

   POTENTI  CHE  SI  SCONTRANO  E  GENI  CHE  S'INCONTRANO 


 

bullet

116.                             L'INDOMANI   DELLA  PARTITISSIMA
                                                                                 I
                                                              Trisenso   sbanca-notiziario
 
                                                         Stamattina ogni italica  xxxxxxx
                                                         di Kim Jong-il  ignora la  xxxxxxx
                                                         e di Zizou enfatizza la  xxxxxxx


N.B. - La soluzione in fondo alla pagina
(Nota esplicativa: a seguire, a beneficio di chi non segue troppo la cronaca.)

                                                                                  II
                                                    Semi-trisenso  sul medesimo argomento

                                                             Quest'oggi i paparazzi,
                                                             simili a turbo-razzi,
                                                             puntan su Materazzi.

 

bullet

117.                                                Cambio di vocale ethnically correct

                                                       Figlio del pur civil popolo berbero,
                                                       Zizou s'è comportato in modo barbaro.



 

bullet

118.                    PRECISAZIONE  PREZIOSA

MATERAZZI, alias MATRIX:  "Non ho detto: A màmmeta !    Ho detto semplicemente: A sòreta!
E meno male.  Il Vangelo racconta di Erodiade che, attraverso Salomè, chiede su un vassoio la testa di Giovanni Battista.  La signora Malika, madre di Zidane, si limita a chiedere, sempre su un vassoio, be'... lasciamo perdere.


 

bullet

119.                       REATI  FINANZIARI:  INDULGENZA  ZERO !
                                                 Cambio di consonante simil-giustizialista

                                                   Tuona Di Pietro nel suo stile inculto:
                                                   "Questo pazzesco, assurdo, osceno indulto
                                                   è uno schiaffo al Diritto, un vero insulto!"


 

bullet

120.  "GREGGIO  ALLE  STELLE": strillano unanimi tutte le testate, con  angosciante cadenza periodica.
Reazione smarrita del tele-dipendente standard: "E IL POVERO IACCHETTI? NESSUNO SE LO FILA?
  (Corvaglia a parte, si capisce).


 

bullet

121.    NON  SIAMO  VIOLENTI: A  MORTE  BENEDETTO !

- Ma perché volete tagliare la gola a quell'Omino mite e fragile, vestito di bianco?

- Perché ci ha calunniato: ha detto che siamo dei tagliagole.   Bugiardo !



 

bullet

122.                 IO, L'ANTI-LISISTRATA                     
 
                                                                 
                                          Antonella Clerici - nome di battaglia: Senza Morirei

                                               LE  TRE  ETà  DI  ANTONELLA
                                        Il treno dei desideri  ha tre vagoni (per ora)
 

All'inizio la Clerici conduceva un programma sportivo: Domenica Sprint.    Motto:   senza  calcio  non potrei vivere .
In seguito passò a condurre un programma gastronomico: La prova del cuoco.    Motto:   SENZA CACIO (sui maccheroni, ma non solo) NON POTREI VIVERE.
In seguito ha co-condotto un programma imperniato sui famigerati "pacchi":  Affari tuoi.   Motto:   NON POTREI VIVERE SENZA OCCUPARMI  DEGLI AFFARI VOSTRI: DEI  CASI  VOSTRI, INSOMMA.

Manca soltanto che l'Antonella nazionale venga chiamata a sostituire l'obitoriale suor Camila  Raznovic nella conduzione di  Loveless Sex...


 

bullet

123.                                                 FARENHEIT 451?
                                "Che hai tu, Bocca?" (DANTE, Inferno  xxxii, 106)

Giorgio Bocca, notissimo omo de pansa  (= personalità ragguardevole: espressione idiomatica sicula) dell' establishment culturale italiano, vorrebbe chiudere la bocca a Giampaolo Pansa.

N.B. - A proposito delle infamie - denunciate da Pansa - perpetrate da certi gruppi di (cosiddetti?) resistenti, di (sedicenti?) partigiani; che hanno ben poco da invidiare (ed è tutto dire) a quelle perpetrate dai loro mortali antagonisti.


 

bullet

124.                           LA  DANZA  DEGLI   ACRONIMI

                                   "Il TFR sia versato all'INPS" - sentenziò TPS


 

bullet

125.                                 Scarto biletterale  particolarmente perfido

Nell'ultimo Congresso dei Radicali liberi, il segretario uscente Dan Capezzone che, stanco di stare sempre alla cavezza,  aveva osato alzare la cabeza contro il Patriarca Marco Giacinto, è stato subissato da una marea di contumelie da parte del suo pigmalione e mentore; spalleggiato, per la bisogna, dalla seducente Emma[nuelle?], Casco d'oro con bestemmia incorporata.  Siamo in grado di proporvi un epigramma, sfuggito alle riprese televisive, diretto contro l'obitoriale ("questo non va bbene, questo non va bbene") ex delfino da parte di Giacintone nostro:

                                                       CApeZZONE   caPEzzone,
                                                       fa' di non demeritare
                                                       la pi-e del tuo cognome !


 

bullet

126.                                     LA  SUPPLENTE  FOCOSA
                                                    [ben  5 (cinque) in simultanea]

Sfatata per sempre l'infondata leggenda che le prof di matematica siano delle aride, algide, algebriche  calcolatrici, prive di cuore.

Ricostruita, tra l'altro, la preghierina che i cinque alvarovitaleschi Pierini erano soliti ripetere prima dell'assunzione della passionale supplente: "Il cielo ce la mandi b(u)ona !".

P.S. - Il collaboratore prof. Aristodemo de Prosdocimis, noto per la sua proverbiale saccenteria, ci ricorda che il record riguardante il numero delle "prestazioni multiple"  in contemporanea lo detiene ancora la famigerata Lesbia catulliana:

                                           CUM SUIS VIVAT VALEATQUE MOECHIS
                                           QUOS SIMUL COMPLEXA TENET TRECENTOS,
                                           NULLUM AMANS VERE, SED IDENTIDEM OMNIUM
                                           ILIA RUMPENS.

                                           (CATULLO, Carmina xi, 17-20)


 

bullet

127.    Sondaggi estremamente seri evidenzierebbero una marcata (preoccupante, secondo i soliti brontoloni) propensione dello statale medio italiano alla pre-pensione.


 

bullet

128.  Lunedì, 13 novembre 06: la Turco allarga sugli spinelli, l'elefantino bacchetta la Spinelli. 

(Non sarebbe, tra l'altro,  senza interesse che la figlia del grande Altiero dedicasse uno dei suoi domenicali al problema rilanciato dalla onorevole Livia).


 

bullet

129.                                       Zeppa... anti-infortunistica

A proposito del controverso documentario Uccidete la democrazia, curato da Heinrich von Knoblauch (=De Aglio) direttore del mitico "Tagebuch" (=Diario):

                                              Sono Enrico, son Deaglio:
                                              io nitrisco, io non raglio,
                                              ma ogni tanto anch'io deraglio.
                                              (Che ne pensa il sor Travaglio?)


 

bullet

130.                               Scarto sillabico iniziale per ultramiliardari

 In questi giorni la stampa si è occupata dello stratosferico TFR dell' Amministratore delegato emerito (emerito?) dell'Alitalia e, prima ancora, di Trenitalia.

                                               Che bel gruzzolo racimoli,

                                               Giancarlone (detto Cimoli):
                                               vagonate di bei spiccioli !


 

bullet

131.                 CIPOLLINO  RISPETTA  IL  BAMBINELLO ?
                                         Cambio di consonante... pre-natalizio

                                                         Chissà se "Olé"
                                                         è un film osé


 

bullet

131bis

Natale 2006 - Tra i figuranti del presepio di Montecitorio, figuravano anche due lesbo-barbies. Il primo cartello è quello ufficiale. In realtà ne era stato proposto un altro, anche più calzante (vedi la seconda illustrazione).
 

CON LA BENEDIZIONE
DELLA S.FAMIGLIA CONVULVEREMO
A GIUSTE NOZZE





 

bullet

132.   Radio Signorini ci informa che recentemente, all'Hotel "Les Maîtresses" Maurizia Paradiso e Alba Parietti si sono accapigliate di brutto.   Come dire: la Sguaiataggine si confronta con la Pacchianeria.  Una bella gara, insomma.



 

bullet

133.   Confesso un mio sogno perverso.  Per lungo tempo ho sperato che Barbara Palombelli e Barbara Pollastrini venissero ai ferri corti.  Avrei intitolato la vicenda: lite tra pennute.  In realtà, tra le due signore corre... ottimo sangue.




 

bullet

144.                        PER  LA  QUESTIONE  AUTOSTRADE
                                              Cambio di iniziale intergovernativo

                                                         Di Pietro Xxxxxx
                                                    stende Emma Yxxxxxx

N.B. - La soluzione - oltremodo impegnativa ! - apparirà allo scadere del mandato dei due protagonisti.



 

bullet

145.     

Incredibile: per l'autorevole rivista americana Time, la PERSONA DELL'ANNO per il 2006 è - indovinate chi? - niente meno che... il sottoscritto.

              THE  PERSON  OF  THE  YEAR  2006  IS... 
ME

NB - Prossimamente forniremo l'inequivocabile prova documentale.



 

bullet

146.      IL  COSTITUENDO  PARTITO  DEMOCRATICO

                                    Un  nuovo partito  o  un  partito nuovo?

                     Annoso dilemma: un pennello grande o un grande pennello?


 

bullet

147.  DIALETTICA  DEMOCRATICA  O  RISSOSITA' INCONCLUDENTE ?
                                         Cambio di consonante - (autoconsolatorio ?)

                                                     Prodi a Caserta afferma:
                                                     "Non siamo una caserma !"

 

bullet

148.  Nel gennaio del 2007 la politica italiana è stata dominata dalla

                                                      vicenda di Vicenza


 

bullet

149.         La Grande Olimpiade canterina tricolore
                                                        S
carto iniziale sillabico

                                                        Di Sanremo il Festival
                                                          galvanizza lo Stival


 

bullet

150.                  BECCATO  IL  BECCAIO

18.03.07, arenile di Copacabana  -  Un giallista pluriomicida - che disonora il nome e cognome di un grande patriota e che non indicheremo neanche con le iniziali: non merita neanche quelle - è stato ri-acciuffato. Provvisoriamente, anche stavolta?    Vedo che i nemici di Abele si stanno già mobilitando.

NB - Beccaio è un vocabolo un po' desueto, presente già in Dante: Purg. XX, 52. Equivale a "macellaio";  professione verso la quale, a scanso di equivoci, professiamo la massima stima. E' contro i macellai metaforici che abbiamo qualche piccola riserva.


 

bullet

151.     IL  MAESTRO  DI  DANTE  TORNA  D'ATTUALITA'

                                         Non si fa che parlar del TESORETTO:
                                          
l'Economia riscopre ser Brunetto.

N.B. - Chi trovasse l'allusione poco trasparente, vada a rileggersi il XV canto dell'Inferno.


 

bullet

151 bis.
                                                 

Vi presentiamo un autentico scoop: siamo fortunosamente venuti in possesso del sussidiario scolastico su cui l'allora studente "alimentare" Tommasino Padoa Schioppa formò la sua tenera intelligenza d'enfant prodige.



 

bullet

152.                 SVENTURATA VENTURA
                                   "Colpo di genio" in attesa del colpo di grazia

                                            
"Colpo di genio", per la Ventura,
                                             è stato (sorbole !) una sventura:
                                             incombe, prossima, la sua chiusura.

                                            "Colpo di genio" a rischio stop ?
                                            No, non è stato per nulla un top.
                                           Anzi (diciamolo !) è stato un flop.


 

bullet

153.  François Bayrou: il problema non è quello della sua collocazione politica. Il problema è quello della sua pronuncia.


 

bullet

154.                              Partirà questo partito?

Il problema numero 1 del costituendo partito democratico è uno e uno solo: riuscirà l'anima ex(post)-forchettona a convivere senza confliggere [i malevoli diranno: a colludere senza collidere] con l'anima post(ex)-trinariciuta ?


 

bullet

155.   Domenica 27 maggio 2007.

                                                  Botte, a Mosca, per Luxuria.
                                                    Per Catone: che goduria !


 

bullet

156.          LA  SUPER-EREDITIERA  IPER-PRESENZIALISTA
                                         Bisenso + aggiunta sillabica iniziale

Una dote, almeno, a Paris Hilton va indiscutibilmente riconosciuta: la dote, appunto.
Una qualità, almeno, la possiede, indubitabilmente: il babbo... nababbo.



 

bullet

157.   Dedicato a tutti quegli pseudo-artisti che si illudono di supplire alla mancanza di talento con vomitevoli dissacrazioni.   Con particolare riferimento ai recenti casi di Bologna e di Venezia.
               A  zozzi !   A  zozzoni !
                 (quanno  cce  vo'  cce  vo')

 

bullet

158.               GRILLO  [STRA]PARLANTE ?

BEPPE GRILLO, Schiavi moderni:  "La legge Biagi ha introdotto in Italia il precariato..."
PIETRO ICHINO, Falsificazioni pericolose  [Corsera 14-8-2007]: il libro di Grillo "raccoglie centinaia di testimonianze e proteste contro il lavoro precario, delle quali non una sola è imputabile a una situazione generata dalla legge Biagi (sfido Beppe Grillo a un confronto pubblico su questo punto) !

 

bullet

159.                          ASSEGNATO  IL  LE[N]ONE  D'ORO

Il regista Ang Lee ha ottenuto il massimo riconoscimento alla recente Mostra del cinema di Venezia. Avrebbe comunque meritato - sia pure in maniera non unanime: il che vale anche per il Premio ufficiale - anche l'assegnazione del Lenone d'oro.  Insomma: avrebbe preso due piccioni con una fava (honni soit qui mal y pense).

Avvertenza doverosa: i moralisti si tranquillizzino, i libertini si rassegnino.  Forse anche per fare onore al titolo - che mette in guardia, astutamente, dal fascino perverso del piacere [LUST: CAUTION ! ] - nelle sale cinematografiche, al popolo bue, sarà opportunamente propinata una versione solarizzata strategicamente nelle sequenze "birbaccioncelle" (già puntualmente segnalate e dettagliatamente descritte dai recensori specializzati). Si accettano scommesse.

P.S. - In Cina, ad esempio, verrà proiettata al pubblico una versione amputata della mezz'ora complessiva riguardante le scene roventi.  La solita interferenza della Curia romana, notoriamente (e ipocritamente, manco a dirlo) sessuofobica.
 

bullet

160.                                   


Abbassare le palpebre allo scopo di fissare più intensamente l'attenzione richiama il titolo di un celebre film:

                       EYES  WIDE  SHUT

Inoltre il nome e cognome del Presidente del consiglio si presta, al riguardo, ad un interessante anagramma:

                                                - Dormi?     - No, apro !

P.S. - apro -  cioè:  non chiudo, non mi chiudo
; anzi mi apro, apro lo spettro della mia attenzione, del mio ascolto.


 

bullet

161.                DEVOLUZIONE  LINGUISTICA   

 Che cosa pensa Umberto Bossi di Beppe Grillo?  Pare che il Senatur, interpellato al riguardo, abbia più o meno risposto: "Cominci col dare alla sua manifestazoine un titolo che non sia succubo dell'odiato romanesco e dell'inglese - Vaffan... lato B - Day.  Che cosa suggerisco? E' chiaro:  Ol dé dol  Va' a dà via i ciapp! 
Poi ne riparleremo".


 

bullet

162.  Giorni fa, il quotidiano Libero così titolava (vistosamente) un articolo di prima pagina: FORSE GRILLO NON E' COSI' STUPIDO.  Feltri avrebbe potuto utilizzare un arguto cambio di iniziale e un furbesco cambio di vocale (facendo così schiattare d'invidia gli ultrasofisticati titolisti del manifesto):
 
                                 GRILLO  BRILLO ?  GRILLO  GRULLO ?  MACCHé !

                                                   

 

bullet

163.                  LE TASSE?  BEL-LIS-SI-ME !!!

Il ministro dell'Economia, Tommaso Padoa Schioppa, si è fatto interprete e portavoce del punto di vista dei tassi.

                                                             Falso cambio di genere

                                                               Italiani bamboccioni,
                                                               vitelloni giuggioloni,
                                                               fanciulloni fannulloni !
                                                               Come i tassi, orsù, voi fate:
                                                               delle tasse amanti siate


 

bullet

163 b.     
I soliti ficcanaso avrebbero appurato che nei colloqui intimi tra TPS e la sua attuale compagna l'appellativo con cui il Ministro si rivolge alla figlia del grande Altiero non è, come si potrebbe pensare, Barbie; ma... Tassa !
Dal canto suo, la grande editorialista della Stampa non chiama il suo compagno Tommy; ma... Tesoretto !


 

bullet

164.                     LE  STYLE  AVANT  TOUT !

Dalla cronaca - nel corso di un'intervista, a una domanda riguardante la sua vita privata, il Presidente francese si alza indispettito e se ne va (sibilando: Imbécile!).

                                      
Mon Sarkozy,
                                      
non far così!



 

bullet

165.            I  PALADINI  DELL'INDISSOLUBILITà

 è noto che il sen. Andreotti, prima della riunificazione tedesca, si era ripetutamente pronunciato come sfavorevole a questa ipotesi.  Amo talmente la Germania - era solito dire - che una non mi basta.  Preferisco averne due.
Pare (ma sarà vero?) che l'on. Casini abbia recentemente formulato un'affermazione analoga: Amo talmente il matrimonio che uno non mi basta. Ne voglio (almeno) due.

P.S. - Per festeggiare l'evento (il sì bissato), Pier ha stappato un bel BUTTIGLIONE di spumante. (Ah, Rocco, Rocco !).



 

bullet

166.

SOLIDARIDAD  NACIONAL

[espìritu de cuerpo]

 

Nel recente incontro ibero-americano in cui re Juàn Carlos ha rimbeccato il loquace Chavez (¿Por qué no te callas?), sono rimasto gradevolmente sorpreso, più che dall’informale intervento de Su Majestad, dalla cavalleresca difesa che Zapatero – per cui non ho mai simpatizzato – ha fatto del suo avversario politico Aznar.
Poi mi sono ricordato dell' avvertimento che una guida turistica dava, negli anni di Franco, al potenziale visitatore della Spagna: Non criticare mai il Governo, neppure con i rappresentanti più accaniti dell’opposizione. Gli Spagnoli, al riguardo, amano ricordare un simpatico proverbio:  “Nessuno ti ha dato un cero per accompagnare questo morto”.


 

bullet

167.                             IL BEL PAESONE

Siamo nel paese degli accrescitivi. Non a caso Veltroni  e Berlusconi  starebbero lavorando in vista - pare - di un governone  (per un inciucione, secondo i maligni).  Tra i ministri in carica notiamo, tra gli altri, Maroni (quello dello scalone), Fioroni (quello dell'Istruzione) e Gentiloni. Tra i parlamentari ci limitiamo a ricordare Manconi. Per gli altri consultare Internet.
P.S. - Non dimentichiamo i bamboccioni di T.P.S. e i parrucconi stigmatizzati dal giovanilissimo Cav.


 

bullet

168.                          ¿ ADELANTAMIENTO ?
                                 ¡ PARA NADA !

                                                 "España no adelantò a Italia. En ninguna manera"           

                                         (El primero Ministro italiano Romancero  Prodi y Muertadilla)
 


 



 

               

 










Soluzione al n. 6:   Mascia, moscia.
Soluzione al n. 7:  immunità, impunità.
Soluzione al n. 11:  Sirchia, tirchia.
Semi-soluzione al n.12: stroncata; la seconda parola è facilmente ricostruibile.
Soluzione al n. 41:  Ciampi, crampi.
Soluzione al n. 48: Spagna, spugna; pain, Spain.
Soluzione al n. 51:  Ciampi, inciampi.
Soluzione al n. 103: Borgia, orgia.
Soluzione al n. 116: testata, testata, testata.

(

Torna alla pagina precedente